Alla Fine dell’Europa Cabo de São Vicente

Se si viaggia in Algarve da Est verso Ovest la corsa non può che finire a Cabo de São Vicente. L’estremità più occidentale di tutta l’Europa. Da Lagos a Sagres sono una trentina di chilomentri da percorrere sulla N125.

In questo tratto il panorama si trasforma. Diventa leggermente brullo e maggiormente solitario. Le uscite portano verso paesini formati da gruppetti di case bianche, immancabile la chiesa ed il mini cimitero incorporato.

Cabo de São Vicente e Fortaleza de Sagres Punti d’Interesse a Sagres_luogolungo_11

Cabo de São Vicente : Una gita da LAGOS

Questa è stata, per me e l’inglesino, una tappa diversa da come l’avevamo immaginata. Cercavamo vento e panorami con onde giganti ed invece abbiamo trovato sole in picchiata e mare piatto!

La vista dall’alto, dalle scogliere, ha mostrato un mare di un blu intensissimo. Onde medie che si infrangevano con stile su crostoni di rocccia che da bianco latte degradano nei colori dell’arancio e del rosso.

In lontanza, nel mare, si intravedevano molti surfisti appollaiati sulle loro tavole in attesa, invano, di onde da domare. Del resto questo è il punto dove ha inizio una delle coste portoghesi più amate dai surfisti: la Costa Vicentina.

Punti d’Interesse a Sagres

In questa punta estrema del Portogallo, due sono le cose da vedere :

    • Il Faro di Cabo de São Vicente e
  • L’antica Fortaleza de Sagres che si trova su un promontorio proteso nell’Oceano Atlantico.

Faro di Cabo de São Vicente

Il Faro sorge su un promontorio non lontano da Sagres. Porta il nome di un santo spagnolo, San Vincenzo, i cui resti sono stati trovati proprio qui tra le scogliere. Algarve_Capo San Vincenzo_luogolungo

Oggi il FARO è alto circa 24 metri. Sorge su un vecchio sito dove prima vi era un convento francescano che è stato distrutto durante un violento terremoto, nel 1755.

Non capirò mai perché i conventi sorgono sempre in posti ultra panoramici e di questo, in particolare, ti chiedi, che facevano i monaci qui? mah!

Quando arriviamo c’è un via vai di macchine che ci indica quanto sia turistico il luogo e che lo rende meno solitario di quanto si vorrebbe. Il Faro lo si vede meglio dalla scogliera che da vicino. Non è possibile visitarlo. Ho letto che il guardiano qualche volta fa entrare, ma noi non siamo stati fortunati. ( leggi qui ).

Su questa scogliera a picco sull’Oceano non è tanto il faro ad attrammi, ma quello strano sentimento che mi sento salire dentro. Gli occhi catturano la maestosità della natura ed il pensiero va dietro nel tempo. Ti crei una scena nella testa e vedi tutti quei marinai, avventurieri, che da questo promontorio sono partiti inoltrandosi in un blu sconosciuto e forse guardando indietro, verso il faro, hanno recitato in silenzio ciascuno la propria preghiera di ritornare vivi dai loro cari.

Fortaleza de Sagres

La  visita alla Fortezza di Sagres è da consigliare nelle giornate temperate e poco ventose perchè varcate le mure e l’imponente arco d’ingresso, ci si rende conto che, quest’ultime, sono le uniche parti dell’edificio originale che si sono conservate nel tempo.

Tutto il resto è un percorso sui bastioni rupestri e qualche cannone che permette di inoltrarsi sull’Oceano ad ammirare da Ovest a Est tutta la costa frastagliata ed una flora e fauna che nonostante il forte vento cercano di sopravvivere aggrappandosi alla roccia.

Un pò di storia di Fortaleza de Sagres

Il Forte di Sagres risale al XV secolo. Venne costruito a scopo difensivo poichè questo tratto di costa portoghese si trova sia in prossimità del Mediterraneo sia in prossimità alle coste africane.

Come si può facilmente immaginare questa è stata sempre una costa contesa. Soggetta sia alle incursioni dei pirati, che dagli inglesi e dai mori provenienti dalle vicine sponde del Nord Africa.

Fortaleza de Sagres fu costruita da Enrico il Navigatore, infante di Portogallo. Egli trascorse molto del suo tempo qui a studiare la rotta per dirigersi verso le Azzorre e le vaste zone della costa africana.

Purtoppo Enrico il Navigatore fu anche colui il quale cominciò il commercio degli schiavi sulle rotte dell’Atlantico. Una testimonianza di questo riprovevole commercio è a Lagos: l’edificio del Mercado de Escravos.  Riconvertito poi convertito in uffico doganale.

Anni dopo la morte di Enrico il Navigatore il forte fu requisito dal corsaro inglese Francis Drake. Successivamente, nel 1755, fu devastato dallo tsunami venutosi a formare dopo la fortissima scossa di terremoto e parte della falesia precipitò in mare.

PIRATI e CORSARI

In questo luogo mentre si cammina tra cielo e mare è facile immergersi nei pensieri e rievocare le scorribande dei PIRATI e CORSARI che hanno infestato questi mari.

Nel XVI e all’inizio del XVII secolo, il governo inglese usava i corsari per attaccare flotte di tesori spagnoli e portoghesi.

Eroi inglesi come Drake, Frobisher, Hawkins, Raleigh e Grenville erano tutti i corsari che agivano per conto del governo – a tutto vantaggio della regina Elizabeth I.

Spesso, naturalmente, fuori dalla vista delle autorità, molte delle loro attività confinavano con la pirateria.

La differenza tra pirati e corsari era molto labile: i PIRATI attaccavano qualsiasi nave pur di ottenere un profitto. I CORSARI, invece, attacavano le navi con il benestare del governo attraverso una vera e propria lettera di rappresentanza.

Lo scopo del corsaro era quello di attaccare la “spedizione commerciale” del nemico, con il permesso nella Lettera del sovrano. Vendere il carico e la nave e riscattare i prigionieri o venderli in schiavitù.

La porta d’ingresso verso il Mediterraneo

A quell’epoca è facile immaginare come le coste dell’Algarve fossero contese dai Portoghesi, dai Mori e dagli Inglesi visto che era, non solo la porta d’ingresso verso il Mediterraneo, ma rappresentava l’ultimo porto prima del continente africano.

Punti d’Interesse a Sagres_ Fortaleza de Sagres_luogolungo_1

Un pensiero romantico mi assale quando penso al forte come sede di una scuola navale. Ancora visibile è  l’enorme e singolare ” rosa dei venti” disegnata sulla terra.  Ed in quest sapazio immenso unica sopravvissuta e poi restaurata la piccola cappella: Nossa Senhora da Graca che all’nterno conserva raffigurazioni di San Vincenzo.

Dopo una lunga passeggiata sotto il sole torniamo a Lagos e lungo il traggitto ci fermiamo all’ Intermache nei pressi di Budens. Consiglio di assaggiare l’eclaire alla crema di caffè per fare un salto in Francia . Ottimo !


seguimi anche su instagram


Le foto sono state scattate da me .Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.  e-shop su Picfair


Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Commenti (22)

  • Avatar

    francesca

    |

    Bellissimi i panorami e i colori, ma quello che mi piace più di tutti è i lcobalto del mare. Chissà perchè i uoghi di confine, di “fornitiera” come questo ci affascinano tanto.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Perchè è come se ci fosse un mistero oltre quella frontiera. Se ci pensi, Francesca, è quel richiamo che ci fa scoprire posti nuovi. Grazie

      Reply

  • Avatar

    Annalisa

    |

    Ci siamo stati anche noi, per due anni di fila. Ma abbiamo sempre trovato venti sferzanti ( caratteristici ed irresistibili in quel contesto) e onde altissime. Le scogliere sembravano tremare sotto la forza del mare! Un luogo speciale per me. Abbiamo visitato anche il faro all’interno. Mia figlia era estasiata. E anche io!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Siete stati fortunati. Io non ho visto questo posto nel suo stato naturale … faceva caldissimo.

      Reply

  • Avatar

    anna di

    |

    Molto delicato questo post, sarà stato per il posto di frontiera, sarà per i colori del mare o le foto, ma leggendoti mi sembrava quasi di sentire l’odore del mare, quell’odore che sa di “libertà, di avventura”… bellissimo questo racconto. grazie

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Anna grazie a te di avermi letto e viaggiato con me !

      Reply

  • Avatar

    Simona

    |

    Io sono un po’ fissata con i luoghi all’estremo nord, sud, est o ovest. Mi sono segnata tutto così da poterci andare anche io un giorno. E poi finalmente ho capito la differenza tra corsari e pirati ahaha non sapevo mica che ci fosse lo zampino del governo!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Simona la politica ( o i soldi) c’entrano sempre 😉 Comunque in questi posti le storie dei pirati sono quelle più affascinati .

      Reply

  • Avatar

    Noemi Ginosa

    |

    Le foto sono bellissime, e il mio amore incondizionato per il mare come potrebbe non farmi apprezzare questo articolo? Eh già i posti di frontiera sono sempre magici..

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Grazie Noemi . Sono d’accordo con te, i posti di frontiera nascondono sempre qualcosa di misterioso da scoprire .

      Reply

  • Avatar

    Giovy Malfiori

    |

    A me ispirano tutti quei “fisterre” che ci sono in Europa. Le estremità mi attirano come una calamita e non so perché. Sono stata a Cabo Sao Vicente molte volte e tutte sono state un’emozione grande.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Hai ragione, la fine è sempre poi l’inizio di qualcos’altro !

      Reply

  • Avatar

    Raffi

    |

    Mi ha colpito moltissimo la rosa dei venti disegnata a terra in modo così preciso, ma anche così ‘essenziale’. Non è la prima rosa dei venti che vedo in Portogallo e sono tutte molto diverse e molto particolari.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Questa è molto particolare perchè ha qualche spicchio in più. Ho letto che alcuni studiosi non credono che sia una rosa dei venti ma qualcos’altro ….

      Reply

  • Avatar

    Virginia

    |

    A me i paesaggi brulli, selvatici, un po’ dimenticati, un po’ grezzi sono quelli che piacciono di più. Senza altre persone, solo natura pura. Mi piace

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      TI capisco, ma qui si è sparsa troppo la voce!

      Reply

  • Avatar

    Serena

    |

    Mi incantano questi paesaggi!Sono gli stessi che ho visto nelle foto dei miei cognati, che la scorsa estate hanno fatto un on the road per il Portogallo, e ancora una volta sono catturata dai bellissimi colori!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      In Algarve i colori la fanno da padron !

      Reply

  • Avatar

    Giorgia

    |

    Le immagini di naviganti, pirati e corsari che hai evocato in questo articolo fanno vivere il tuo racconto in maniera veramente romantica:difficile non avere voglia di farsi trasportare in questi colori e in questa storia!

    Reply

  • Avatar

    Valeria

    |

    Che particolare la sabbia arancione! Davvero bellissimo questo paese, nonostante io sia più per camminare, mi viene voglia di andare in spiaggia.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      L’Algarve è un posto molto bello e lo consiglio anche per camminare 😉

      Reply

Lascia un commento

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy