Registrati al

Blog

Registrandoti riceverai un'email ogni volta che un post sarà pubblicato ed avrai la possibilità di scaricare contenuti gratuiti.

Registrati ai

Social

sassi matera

SASSI di Matera, un week end d’Autunno

Le ottobrate sono quei giorni ancora caldi prima che arrivi piano piano l’inverno. Sono giorni propizi per esplorare la nostra magnifica Italia ed è con questa scusa che, io e l’inglesino, ci siamo messi in auto e siamo andati ai SASSI di  Matera.

Matera, la città dei SASSI che, in questi ultimi anni, è riuscita a rinascere con un tam tam comunicativo senza eguali.

Matera era nascosta per motivi politici e poi riscoperta per motivi politici. Nel dopoguerra la città sale agli onori della cronaca per le difficilissime condizioni igieniche e sanitarie in cui vivevano gli abitanti delle case grotte.

SASSI di Matera_luogolungo

Non conosco bene la storia, ma vergognarsi solo per le condizioni igienico- sanitarie della popolazione, anche se reali, mi sembra un motivo non sufficiente visto che in quegli anni del dopoguerra molti paesini nell’Italia avevano lo stesso problema igienico sanitario.

Week end d’Autunno a Matera_2_luogolungo

Week end d’Autunno a Matera_2

I politici di allora, siamo nel periodo di governo del Presidente De Gasperi, trovarono la soluzione più semplice: spostare i materani dei SASSI in case popolari nuove di zecca.

Con la costruzione dei nuovi quartieri si invitava i materani dei SASSI a trasferirsi nelle case appena costruite.

Gli abitanti dei SASSI sarebbero, così stati avvicinati alle modernità di avere il wc in casa. Non si intuì, però, che tale operazione avrebbe privato il popolo della loro identità.

 

 

Un’identità costruita intorno ad un modello di vita “necessario” per chi abitava nelle case grotte.

Oggi quel modo di vivere lo definiremmo con parole di “famiglie allargate” o  “rapporti di buon vicinato”. Oggi possiamo dire che gli abitanti dei SASSI sono sopravvissuti proprio per una loro capacità di fare comunità.

Allora non si compresero questi temi di sociologia e si finanziarono la costruzione di quartieri periferici di edilizia banale .Week end d’Autunno a Matera_3_luogolungo

Oggi, come allora, la storia in Italia non è cambiata: coloro che non piacciono vengono allontanati dal centro delle città alle periferie, garantendosi la benevolenza di alcuni detrattori senza preservare i veri valori di solidarietà umana. Ma questa è un’altra storia.

Bisognerebbe sempre documentarsi sulla storia di un luogo prima di visitarlo. La vita delle persone da un’identità al luogo e non il contrario. Matera di storia ne ha tanta da raccontare , del resto sono stati trovati reperti risalenti al Paleolitico che la dichiarano la terza città più antica al mondo dopo Aleppo e Gerico.

SCHIUMA POST DESIGN

Io e l’inglesino arriviamo a Matera percorrendo la strada statale 655 Bradanica e solo al ritorno capisco che prima di arrivare in centro abbiamo superato il quartiere  “La Mortella” , che a differenza di quelli banalmente anonimi, nasce con l’intento di ricreare la comunità contadina dei SASSI

Fu l’Ing. Adriano Olivetti che disegnò e mise in pratica il progetto del nuovo quartiere “ La Mortella”, ma creare la funzionalità dal nulla non ha portato agli obiettivi sperati.  Oggi “ La Martella” è rimasto un quartiere di periferia lontano da Matera e dai materani.

La Bradanica è lunga e monotona, sembra di non arrivare mai.

Dal finestrino scorgi una periferia senza fine e i SASSI di Matera non li vedi, se non dopo aver parcheggiato l’auto ed individuato il primo belvedere.

Arrivati a Matera parcheggiamo su Via Campolungo ma se si vuole essere più centrali io consiglio il parcheggio a pagamento su Via Vena.

I SASSI  li scorgi da uno dei tanti belvedere presenti nel centro ed è solo da quelle balaustre che ti rendi conto che i SASSI, già visti nelle tantissime riproduzioni fotografiche, solo dal vivo, gli riconosci quel fascino immortale che ti aspetti.

 

Visitare i SASSI richiede che si indossino scarpe comode perché è un saliscendi continuo tra stradine ricavate tra le case. Case costruite una sull’altra, chiese rupestri scavate nella roccia e cimiteri che si affacciano sulla Gravina.

L’immagine panoramica dei SASSI che tutto il mondo conosce è presa da un belvedere fuori città, precisamente da MURGIA TIMONE a cui, per nostra sfortuna, non si poteva accedere per un evento.

Oggi Matera è patrimonio dell’UNESCO, non perché è la terza città più antica al mondo, ma per la capacità degli uomini lucani di creare un ecosistema abitativo in simbiosi con l’ambiente circostante e soprattutto per la loro capacità di conservare l’acqua nelle cisterne.

 

Vedere Matera vuol dire passeggiare e stupirsi dei colori dei sassi che cambiano di sfumatura a seconda dell’ora del giorno :

i SASSI diventano prima rosa, poi bianchi ed infine gialli.

Con una passeggiata piacevole lungo Via Duomo si arriva nella omonima Piazza Duomo centro della Civita. Questo è il luogo più alto dei Sassi di Matera. In realtà è un terrapieno costruito artificialmente in modo da sovrastare e dividere il sasso Baresano da quello Caveoso. In questa piazza sorge la Cattedrale di Matera con il suo campanile visibile da tutte le terrazze di Matera.

All’esterno, la cattedrale conserva un aspetto sobrio in stile romanico pugliese, mentre all’interno, dietro il bel rosone sopra l’ingresso, gli affreschi sono di colori vivi che vanno dal rosso all’oro. Interessante l’affresco della Madonna della Bruna, del 1270 che in un angolino dietro un vetro esprime tutta la sua potenza.

Ho trovato molto interessante entrare nel Palazzo Franchi, edificio del settecento voluto dall’Arcivescovo che gli diede il nome. Nasce come monastero, poi divenne un liceo classico in cui ha insegnato anche Giovanni Pascoli. Dal 2003 è  sede del Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna della Basilicata. Ho trovato molto bella la collezione dei quadri di Primo Levi

Di proporzioni enormi è il suo celebre LUCANIA 61: un’opera commissionatagli per rappresentare la Lucania e in cui Levi  mette in scena la vita del vicinato dei sassi nella sua crudezza.

Shopping in Viaggio : Matera

Non ho lasciato Matera senza individuare alcuni negozi interessanti dove comprare artigianato “made in local” . Devo dire che  le vetrine sono presenti maggiormente nella zona di PIANO; ti accorgi che ci sono molte botteghe artigianali dove si realizzano manufatti di legno, di pietra, di cartapesta, di terracotta .

Chi è abituato a girare per negozi capisce che a Matera il recupero dei SASSI ha contribuito anche alla apertura di botteghe artigiane in cui i maestri, ispirandosi alle tradizioni lucane realizzano manufatti interessanti che diventano dei validi souvenir che impreziosiscono le case di chi ama viaggiare.

Inaugurato solo nel 2016 si vende l'amaro LUCANO

I miei indirizzi scoperti a caso, ma che considero interessanti:

  • LUCANO LA BOTTEGAVia del Corso, 52

 

Un bel negozio che sembra storico, ma inaugurato solo nel 2016 dove si vende uno degli amari il cui payoff pubblicitario lo conoscono tutti gli italiani. E tu, hai mai detto : “Cosa vuoi di più dalla vita?. Un Lucano!”?

  • SCHIUMA POST DESIGNPiazza San Francesco, 2

 

Location piccolissima. C’è appena lo spazio per la sedia della commessa e lo scaffale a parete dove vengono esposti tanti oggetti di legno. Consiglio di acquistare qui le calamite se ne fate la collezione e non amate le cineserie.

  • GEPPETTOPiazza del Sedile, 19

 

La ricerca del nome è esemplare ma il mastro Geppetto non fa burattini bensì modella i classici fischietti di terracotta con la forma di galletto. Presenti anche in Puglia, i galletti sono regalati per augurare fertilità ed abbondanza.

  • CIVICONOVEMATERAVia Duomo, 7/9

 

Consiglio i quadretti con le case mosaico.

  • TUFA – Via Buozzi, 20

 

Interessante laboratorio di piccole sculture in pietra.

  • MANCINIVia Bruno Buozzi, 87

 

Unica bottega storica di cui avevo letto prima di partire. Particolari sono i timbri per il pane rivisitati e realizzati al momento. Un tempo venivano utilizzati per marcare il pane di ogni famiglia per distinguerlo dagli altri cotti nello stesso forno.

 

Saluto Matera, ma mi auguro di tornarci ancora.

 


seguimi anche su instagram


Le foto sono state scattate da me .Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.  e-shop su Picfair

 

.

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Commenti (14)

  • Avatar

    viaggiapiccoli

    |

    Matera è vicinissima a Napoli, ma con i bambini non ci siamo mai stati. Grazieeeee mi hai dato tanti spunti interessanti

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Vero vicino Napoli ma vale la pena andarci almeno per un week end. Grazie

      Reply

  • Avatar

    Julia

    |

    I sassi di Matera sono un luogo assolutamente affascinante, devo dire che quando li ho visti per la prima volta sono rimasta a bocca aperta soprattutto la sera illuminati sono un luogo magico

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Hai ragione Julia. Ti chiedi perchè quel paesaggio è così bello solo adesso!

      Reply

  • Avatar

    Moira

    |

    Che bella Matera! Ce l’ho nella mia lista dei viaggi da un pezzo. Spero di andarci prestissimo! Belle le tue foto!!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Anch’io ci ho messo un pò prima di decidermi. Unico consiglio andare nelle mezze staggioni. Si cammina tanto . Grazie per il complimento sulle foto Moira a presto

      Reply

  • Avatar

    MARTINA BRESSAN

    |

    ”La vita delle persone da un’identità al luogo e non il contrario.” Quanta verità in questa tua frase.
    Matera è stata purtroppo una città troppo a lungo bistratta e considerata come ”una vergogna”. Un vero peccato. Una città ricca di storia e di trazioni che hanno il diritto e il dovere di essere tramandate.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Martina se le città del Sud seguissero la scia di Matera nel loro tam tam comunicativo il turismo arriverebbe a frotte e anche i soldi . Ciao

      Reply

  • Avatar

    Irene

    |

    Abbiamo letto tanti articoli su Matera e non vediamo l’ora di visitarla! È una città ricca di sorprese e dalla storia eccezionale!

    Reply

  • Avatar

    Giada Capotondi

    |

    Ho viaggiato moltissimo, eppure mi vergogno a dire che non sono mai stata a Matera in vita mia. Eppure so che si tratta di una citta’ dal fascino indescrivibile e le tue foto e le tue parole lo provano al 100 %!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Grazie Giada . Amche io ho scoperto Matera dopo un’infiità di viaggi.

      Reply

  • Avatar

    Cristina Giordano

    |

    Sono stata a Matera anni fa e scattai una foto vicino alla fontana, purtroppo in questi giorni si è allagata, spero che si riprenda al più presto

    Reply

  • Avatar

    Raffi

    |

    Amo Matera. Speriamo che i danni da maltempo di questi ultimi giorni non siano irreparabili e che possano risollevarsi presto. Con tutto quello che stanno facendo per onorare la cultura nel mondo davvero non ci voleva.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Vero Raffi ma è anche vero che Matera è la terza città più antica del mondo famosa per come gli uomini conservavano l’acqua. Credo che si riprenderanno velocemente

      Reply

Lascia un commento

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy