Registrati al

Blog

Registrandoti riceverai un'email ogni volta che un post sarà pubblicato ed avrai la possibilità di scaricare contenuti gratuiti.

Registrati ai

Social

Bassin d’Arcachon: Les vacances à la française

Lasciata Bordeaux, dopo una tappa a Saint Emilion, il nostro road-trip continua.

Ci spostiamo sulla Costa Atlantica francese e precisamente sul Bassin d’Arcachon.

Il Bassin d’Arcachon si trova a 50 Km da Bordeaux nel cuore delle Lande. Ha una forma simile ad un ferro di cavallo un po’ irregolare e si estende, per circa 80 Km, da Arcachon a Cap Ferret.

Nel bacino confluiscono le acque dolci del lago di Cazaux de Lacanau e del fiume l’Eyre che, con l’alta marea, si mescolano con quelle dell’Oceano Atlantico .

La configurazione geografica del luogo ed il naturale gioco delle acque rendono il Bassin un posto meraviglioso che andrebbe scoperto con una sosta almeno di una settimana.

Ce ne rendiamo conto solo all’arrivo e purtoppo la nostra tabella di marcia ci concede di “assaggiare” il Bassin d’Arcachon in un solo giorno e mezzo 😉

L’impresa impossibile è iniziata con la ricerca di una stanza per una sola notte !!! Nella zona fittano tutti per almeno una settimana ed in pieno Agosto è tutto full !!!

Bassin d’Arcachon les vacances à la française_luogolungo_1

Alla fine siamo riusciti a trovare posto tramite Booking nel piccolissimo Hotel L’ile aux Oiseax a Andernos-les-Bains una delle 10 cittadine del Bassin d’Arcachon.

Bassin d’Arcachon les vacances à la française_luogolungo_2

Andernos-les-Bains è un bel paesino di mare

L’abbiamo visto di sera passeggiando per le due strade centrali piene di negozi tipicamente estivi fino ad arrivare al pontile chiamato “jeté” .

Di sera, dopo aver  mangiato da La Maison, siamo andati in giro. Non siamo riusciti a vedere molto se non a scorgere qualche cottage molto caratteristico .

Bassin d’Arcachon_ Cap Ferret_luogolungo_3

La mattina seguente siamo arrivati fino al  Faro di Cap-Ferret .

Arrivare a Cap-Ferret, in pieno agosto, non è impresa facile ci sono lunghe code sull’unica strada D106 che percorre tutto il bacino. Arrivati siamo saliti sul faro . Sono 258 gradini 😉 e da lassù il panorama a 360° è da mozzare il fiato !

Il faro è stato ricostruito dopo la II guerra mondiale nel 1949 ed ancora oggi conserva la sua funzione anche se la luce è governata automaticamente e non da un guardiano in carne e ossa.

Dall’alto si può ammirare tutto il Bacino d’Arcachon.

Di fronte le Dune du Pilat , al centro il Bac d’Aarguin, una riserva naturale casa di molti uccelli. L’intera laguna che è accessibile solo con l’alta marea. A perdita d’occhio l’oceano e l’infinita pineta che sembra una foresta.

Come ho detto il bacino ha una circonferenza di circa 85Km e ciò che non andrebbe saltato è la visita a ciascun villaggio di pescatori di ostriche che qui sono un must !

Uno di questi è Le village de l’Herbe

Un villaggio ostreicolo incantevole. Con le sue casette corolate sembra uscito da un fumetto. Mangiare ostriche con i piedi nella sabbia è stata un’esperienza nuova ti senti ricco e povero nello stesso tempo !

Dopo pranzo ci siamo diretti fino al deserto dell’Europa: 

Le Dune du Pilat

Bassin d’Arcachon les vacances à la française_Dune du Pilat_luogolungo_6

Bassin d’Arcachon les vacances à la française_luogolungo_7

Dune du Pilat_luogolungo_8

Dune du Pilat_luogolungo_9

Salire sulle Dune du Pilat è facilitato da una scalinata non troppo ripida.

Arrivati in cima si viene folgorati dalla vista sull’Atlantico. Ci sono le varie tonalità di blu. Gli occhi sono rapiti dalle peripezie di chi fa parapendio o dalle corsa dei ragazzi che si divertono a scendere dalla montagna di sabbia facendo grandi salti come se avessero delle molle sotto i piedi. Fantastique!


seguimi anche su instagram


Le foto sono state scattate da me .Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.  e-shop su Picfair

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Commenti (30)

  • Avatar

    Martina Monti

    |

    Che meraviglia la foto del faro! Tutto il racconto mi ha trasmesso pace e serenità… bella meta! 🙂

    Reply

  • Avatar

    Cinzia

    |

    Quelle dune sono spettacolari! Non sono mai stata in questa zona, ma mi ha sempre incuriosito molto. Non è poi così lontato da me, magari potrei farci un pensierino!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Cinzia di sicuro ti consiglio di andarci . Sono zone molto belle da un punto di vista naturalistico .

      Reply

  • Avatar

    Monica

    |

    Questo angolo di Francia per me è sconosciuto. Devo dire la verità sono rimasta incantata dalla riserva naturale davvero davvero molto bella.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Lo consiglio soprattutto a chi ha bambini. Grazie Monica

      Reply

  • Avatar

    sheila atrendyexperience

    |

    il mio compagno ha passato in questi posti tanti momenti della sua infanzia e ancora oggi mi ripete che ci dobbiamo andare a vivere e vedendo le tue immagini mi viene da rispondere … perché no?

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Non so come è viverci, ma fare le vacanze è molto bello anche perchè in questi luoghi vivono il mare in maniera diversa da noi che siamo abituati al mediterraneo.

      Reply

  • Avatar

    Giovy Malfiori

    |

    A me la “Francia di mare” piace davvero motlo. Sia che si tratti di oceano che di mediterraneao.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      A me piace quell’atmosfera tanto diversa da noi eppure così simile alla nostra.

      Reply

  • Avatar

    Roberta

    |

    Al fascino dei fari non so resistere!!!! Quello di Cap Ferret sembra essere meraviglioso. Lo inserisco nella mia personale wish list dei fari da vedere!!!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Più che il faro è particolare il panorama che si vede da sopra! ciao Roberta

      Reply

  • Avatar

    annalisa

    |

    Non sono mai stata in questa zona della Francia, a vederla sembrava meno turistica ma molto affascinante. Adoro i fari… una bella scoperta , grazie!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Si è turistica, ma è veramente bella! del resto i turisti vanno sempre dove c’è il bello;-)

      Reply

  • Avatar

    MARTINA BRESSAN

    |

    Sono stata a Bordeaux qualche mese fa, sono stata alle Dune du Pilat, ma non sono stata nè al Bassin d’Arcachon, nè a visitare il faro di Cap-Ferret, peccato! Conto di tornare in quella zona a settembre, perchè voglio conoscerla meglio, e farò tesoro dei tuoi consigli.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Martina è una zona fantastica . Se posso ti aiuto, non ho scritto tutto quello che ho visto 😉 Buona Pasqua

      Reply

  • Avatar

    Simona

    |

    Mi affascinano da sempre questi borghi, sono degli autentici gioiellini da vedere almeno una volta nella vita.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Piccolissimi ed affascinanti . Se vai da quelle parti non puoi saltarli.

      Reply

  • Avatar

    sofia

    |

    Che bellissimo posto. Sai per caso se esiste la possibilità di visitarlo anche per persone con disabilità motoria? Potrebbe essere interessante.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Naturalmente non posso dirlo per certo, ma credo proprio di si visto che ci sono spazi infiniti 😉 Poi siamo in Francia , popolo molto attento .. a tutti

      Reply

  • Avatar

    Sara Alessandrini

    |

    Molto bello il tuo itinerario, complimenti! Io sono stata in Costa azzurra e della Francia purtroppo non ho ancora visto altro! Qual’è il periodo più adatto per visitare questa località?

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Sara insieme alla Costa Azzurra questa è un’altra costa dove i francesi passano le vacanze. Di sicuro l’estate è il periodo migliore, ma è anche molto affollato.

      Reply

  • Avatar

    Veronica | Lost Wanderer

    |

    La Francia è una di quelle regioni che vorrei esplorare in lungo e in largo, dal nord al Sud. Purtroppo ho avuto modo di visitare solo Parigi ma non escludo che tornerei per visitare paesini più piccoli ma caratteristici come questo.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Io adoro la Francia e anche se non ho scritto l’ho vista dal nord al sud. Si. Veronica ti consiglio di farci un viaggio .

      Reply

  • Avatar

    Monica

    |

    Sono stata tantissimi anni fa in questa zona e il tuo post mi ha fatto venire voglia di tornarci. Le dune sono bellissime e poi in Francia si sta sempre bene!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Io amo la Francia ed è vero è bella.

      Reply

  • Avatar

    Cristina Giordano

    |

    Sembra un luogo selvaggio e incontaminato, bella ripida la saletta per salire in cima ma ne vale la pena

    Reply

  • Avatar

    Raffi

    |

    Conosco benissimo quelle zone e le dune. Non so quante volte ci sono stata. Mi hai fatto venire tanta nostalgia, ma quest’anno purtroppo non potrò fare il mio solito giro in Francia. Sono contenta però di aver letto questo post perchè è stato un po’ come essere lì e sentire il profumo dell’Oceano.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Grazie a te di aver letto. Vorrei anch’io essere lì a respirare l’Oceano.

      Reply

Lascia un commento

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy