Registrati al

Blog

Registrandoti riceverai un'email ogni volta che un post sarà pubblicato ed avrai la possibilità di scaricare contenuti gratuiti.

Registrati ai

Social

A Villa Rosebery ospiti del Presidente della Repubblica per un “face to face” con il Vesuvio

Villa Rosebery apre il suo cancello misterioso in occasione delle giornate del FAI ( Fondo Ambiante Italia) e così che io scopro pezzetti della mia città che continua ad affascinare nonostante i suoi innumerevoli contrasti.

Dopo una fila di 2 ore finalmente si entra a Villa Rosebery. Non c’è il Presidente della Repubblica ad accoglierci, sarebbe stato interessante stringergli la mano. Ci sono solo le forze dell’ordine che ci sottopongono ai dovuti controlli come se fossimo in procinto di prendere un aereo all’aeroporto .

A Villa Rosebery ospiti del Presidente della Repubblica per un facetoface con il Vesuvio_ giornate FAI

Un po’ di storia di Villa Rosebery

Villa Rosebery ha origini nel 1801 quando il conte austriaco Giuseppe de Thurn, brigadiere di marina borbonica,  acquista vari terreni contigui e accorpandoli.

All’epoca per raggiungere la proprietà era necessario utilizzare quasi esclusivamente una barca. Nei pressi in cui oggi sorge il BELVEDERE fu costruita una piccola residenza con annesso il giardino, mentre il resto dei terreni fu affittato ad agricoltori per coltivare vino e frutta.

Successivamente la proprietà di Thurn accrebbe il suo valore perché fu realizzata la strada che portava da Mergellina a Bagnoli. Nel 1820 la tenuta viene venduta alla principessa di Gerace ed a suo figlio Agostino Serra di Terranova, che trasformò la tenuta da agricola a residenziale.

Furono proprio i signori Serra di Terranova che trasformarono i casini agricoli presenti nella tenuta, nelle attuali Palazzina Borbonica e Grande Foresteria.

Nel 1857 la proprietà passa nelle mani di Luigi di Borbone che essendo il comandante della Marina napoletana gli sembrò necessario far costruire il piccolo porticciolo. Sempre il Borbone fece allestire il grande parco così come lo vediamo oggi.

Successivamente la Villa viene acquistata da Gustavo Delahante che la cedette nel 1897 al primo ministro britannico lord Rosebery che a sua volta la donò allo stato britannico e poi successivamente quest’ultimo lo donò, nel 1932, allo stato italiano.

Dal 1957 Villa Rosebery è tra i beni a disposizione del Presidente della Repubblica.

 Villa Rosbery  giornate del FAI _ Grande Foresteria

Come è oggi Villa Rosebery

Entrando si capisce subito che Villa Roserbery non è solo una villa, ma è un parco con un terreno circoscritto di circa 66.000 mq . Si sviluppa su un declivio verso il mare e gli unici edifici presenti sono ; la “Grande Foresteria“, la ” Piccola Foresteria” e la “Casina a mare“. I viali sono costeggiati da cipressi e lecci secolari ed da prati verdissimi che ricordano quelli inglesi.

All’orizzonte un blu intenso confonde il mare con il cielo.

Vivere in questi luoghi rigenera anima e corpo, proprio come la denominazione di “Pausylipon” che letteralmente significa ” che ridona la salute”.

La visita segue un percorso obbligato e non c’è la libertà di arrivare al mare.

Villa Rosebery vista in occasione delle giornate del FAI mi ha permesso di portare a casa tre bellissime immagini

1face to face con il Vesuvio

Un panorama sul Vesuvio che non avevo mai visto così “pieno”. La vista è proprio suggestiva dal piccolo porticciolo, da cui si scorgono sommersi reperti archeologici.

Come mi piacerebbe rivedere lo stesso posto al tramonto.

A Villa Rosebery ospiti del Presidente della Repubblica per un facetoface con il Vesuvio_ giornate FAI

2Lo scoglio di Pietra salata

Proprio davanti al porticciolo si vede uno scoglio chiamato Pietra Salata ; pare che non sia uno scoglio vero, ma bensì una parte dei resti archeologici sommersi di una antica villa marittima presente ai tempi dei romani gioia per i subacquei di oggi.

A Villa Rosebery ospiti del Presidente della Repubblica per un facetoface con il Vesuvio_ giornate FAI

3. La Palazzina Borbonica

Il luogo dove sorge la Palazzina Borbonica è così riservato che si comprende perché già il conte Thurn lo scelse per fare costruire la sua casa.

Oggi l’edificio è in stile neoclassico lineare, ed è più interessante la parte posteriore, con il portico, piuttosto che la facciata. Questa è la villa dove dorme il Presidente della Repubblica quando è in visita a Napoli.

A Villa Rosebery ospiti del Presidente della Repubblica per un facetoface con il Vesuvio_ giornate FAI

seguimi anche su instagram


Le foto sono state scattate da me .Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.  e-shop su Picfair

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Lascia un commento

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy