Registrati al

Blog

Registrandoti riceverai un'email ogni volta che un post sarà pubblicato ed avrai la possibilità di scaricare contenuti gratuiti.

Registrati ai

Social

Massa Lubrense racconto di un week end_luogolungo_travelblog

Massa Lubrense racconto di un week end

Massa Lubrense è una cittadina della Penisola Sorrentina che sorge lì dove la costa campana termina con Punta Campanella per poi aprirsi sulla Costiera Amalfitana.

Da Napoli il viaggio è breve. Dopo circa un’ ora di auto ( senza traffico !) possiamo goderci i paesaggi mozzafiato della Penisola Sorrentina che si stende nel mar Tirreno fino a quasi toccare l’isola di Capri.

Nell’ultimo lembo di questa terra meravigliosa si trova, propio, il comune di Massa Lubrense, un paese senza tempo che per fortuna non è mai diventato “ meta turistica di massa”.

Agli inizi di luglio, la Costiera è ancora popolata da pochi e diventa meta pediletta per chi ha voglia di trascorrere un week end speciale. Per chi vuole ritrovare se stesso o per chi vuole innamorarsi.

Quest’anno, la Costiera, gode di una tranquillità insolita, dettata inevitabilmente da un cambio di esigenze portate dal COVID-19. Massa Lubrense, a differenza delle altre cittadine “sorrentine”, conserva un fascino rupestre definito da un colore nitido che contrappone il blu del mare con il verde degli ulivi.

Questi luoghi innescano in me sentimenti di malinconia. Una malinconia senza tristezza, che assume l’accezione positiva e che rimanda a ricordi piacevoli.

Le strade tortuose, il sali scendi dalla montagna e le case nascoste dalla vegetazione, mi portano indietro nel tempo. Arrivo a Massa Lubrense ed il passato, quello dei ricordi, ritorna ai primi viaggi senza i genitori.

Ricordo…

Ricordo le vacanze in comitiva. Gli amici con cui sono cresciuta, le prime fughe romantiche di week-end improvvisati , gli inviti alle case al mare, lo stop and go degli esami all’università con date d’esami improbabili fissate a fine Luglio o ad inizio Agosto, secondo i capricci dei professori. Le lunghe chiacchiere seduti sui muretti panoramici, le nuotate al largo ed i ciottoli sotto i piedi.

Ricordo le interminabili ore in auto. Fermi nel traffico, in silenzio per la stanchezza del mare. Le strade con le curve che inevitabilmente scatenavano in me il mal d’auto. Ricordo anche l’odore di mare nei capelli aggrovigliati dopo estenuanti viaggi in moto.  Ricordo …..

Ad un certo punto, crescendo, il mare vicino casa mi è sembrato banale troppo riconoscibile e così ho cominciato a viaggiare altrove. La Costiera, invece, è diventata il posto per le gite invernali del fine settimana. Un luogo dove pranzare e godesi il panorama sull’infinito.

La Costiera è per me la meta delle mezze stagioni. Mi piace venirci quando i rumori dei turisti si placano, quando ci si può godere della sua autenticità. Mi piace venirci in inverno quando le case si spogliano e sono abitate solo da marinai e contadini, 

Quest’anno, in estate, ritorno per un breve week.

Nulla è cambiato. Le colline verdi nascondono un comune, Massa Lubrense, formato dall’aggregazione di 18 piccolissime frazioni sviluppatesi a vari livelli dal mare su uno sperone di roccia che finisce a Punta Campanella.

Punta Campanella, il cui nome evoca la campana della Torre-Faro che veniva fatta suonare per segnalare l’arrivo dei pirati o delle navi inglesi di base a Capri, è la punta estrema della Penisola Sorrentina. Domina il panorama dei due GOLFI; da qui si può vedere il golfo di Napoli, da un lato, e quello di Salerno dall’altro.

Frazione di Santa Maria

Abbiamo alloggiato, per la prima volta, in un B&B nella frazione di S. Maria dove sorge l’omonima chiesa del ‘500 di Santa Maria della Misericordia .

Purtroppo il portone della chiesa l’ho trovato sempre chiuso. Del resto il COVID-19 ha cambiato lanche le modalità di accesso in chiesa, ma ho adorato fotografare gli antichi palazzi scrostati dal tempo e dalla salsedine presenti nella piazzetta che rendono il luogo adatto per un set cinematografico d’altri tempi.

Nerano

Quest’anno, per andare in spiaggia bisogna prenotare il prproprio lettino e rispettare le norme anti COVID-19 e nel primo week end di luglio alcuni stabilimenti sono ancora chiusi. Quelli aperti non hanno disponibilità. Prenotiamo due lettini a Nerano.

Marina del Cantone_Massa Lubrenze_luogolungo

Nerano è famosa per le sue spiagge e per le sue insenature rocciose. Sono famosi gli “spaghetti alla Nerano” che vengono serviti con una spolverata del autoctono provolone del monaco.

Questo minuscolo villaggio di pescatori  si è sviluppato a mezza costa con le case a grappolo, attaccate le une con le altre tutte affacciate sulla Baia del Cantone. Dalle finestre si gode del colore del mare 24h su 24h .

Parcheggiata la macchina procediamo per la spiaggia della Baia di Reccommone situata nell’insenatura tra la Marina del Cantone e il fiordo di Crapolla.

Massa Lubrense racconto di un week end_Baia Recommone

Nella baia ci si può arrivare o con la barca o, se si è in vena, con una passeggiata di circa 20 minuti su un sentiero che non allontanandosi mai dal mare dà la possibilità di allungare lo sguardo su una parte della Costa Amalfitana.

La spiaggia della baia di Recommone è formata da ciottoli bianchi ed è lunga non più di 70 metri. Si nasconde tra gli scogli chiamati Scupolo e Isca. Sulla destra c’è un ristorante che è anche lido “La Conca del Sogno” che degrada verso il mare con delle terrazze di cemento .

Il nome del ristorante è utilizzato, anche per indicare la baia. Questo luogo è sempre stato una tappa per VIP o semi tali che ormaggiamo i loro yacht in questo tratto di mare .

Si racconta …

… che il drammaturgo Eduardo De Filippo, amante e frequentatore di questi luoghi, acquistò da un banchiere di Sorrento, lo SCOGLIO ISCA. Dopo aver fatto ristrutturare l’unica villa presente sull’isola, De Filippo insieme alla moglie, su questo scoglio, ci si rifugiava spesso per scrivere e riflettere.

Edoardo De Filippo creò il personaggio del “Munaciello”, presente nella sua opera teatrale “Questi Fantasmi”, prendendo ispirazioni da un racconto del luogo. Si racconta che “il munaciello” spiritello, buono ma dispettoso, presente nel folclore napoletano, si nasconde, qualche volta, nella Torre Montalto che è visibile tra la Baia di Ieranto e la Marina del Cantone.

Si ritorna a Napoli con gli occhi colmi di bellezza con la luce di un tramonto spettacolare sull’isola di Capri.

Tramonto Massa Lubrense_luogolungo

Shopping in viaggio 

  • Birrificio SorrentoVia Nastro D’oro, 19
  • Mercato Settimanale del venerdìPiazza San Francesco

Condivido il link della Pro loco di Massa Lubrenze che propone degli percosi denominati “Museo diffuso” che vorrei fare la prossima volta .


       Articoli correlati  Un giro in Costiera tra Agerola e AmalfiPrimo Novembre shopping & Tour a Positano


seguimi anche su instagram


Le foto sono state scattate da me. Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.  e-shop su Picfair

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Lascia un commento

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy