Bergamo, ci vediamo al Prossimo Giro

Andare a Bergamo è stata una decisione improvvisa. Da Como sono circa 70 Km ed il tratto di autostrada è stato molto scorrevole.

Arriviamo a Bergamo a metà mattina e dietro consiglio, per evitare ZTL e strisce blu, impostiamo il navigatore su Via Antonio Rosmini, ma è tutto pieno. Volendo ritornare indietro ci troviamo a parcheggiare in Via dello Statuto nei pressi della scaletta di Via Fontanabrolo.

Sotto indicazioni ci consigliano di salire da questo punto, ci dicono: ” percorso veloce e caratteristico “. Anticipati da altri ci avventuriamo anche noi e così la funicolare rimane qualcosa che vedrò al prossimo giro.

La salita per VIA FONTANABROLO è stata una bella scoperta

Sono 10 minuti di salita gradinata abbastanza ripida, ma di sicuro fascino da consigliare se si è minimamente allenati e con ai piedi scarpe comode.

La vallata, in verde, che si apre allo sguardo, girandosi di spalle, è magnifica così come la contrapposizione di colore. Il VERDE degli orti della valle fa a contrasto con il GRIGIO della pietra utilizzata per costruire le alte mura che fiancheggiano la scaletta.

In cima si arriva nei pressi della fermata della funicolare di San Vigilio e vicino alla bellissima porta di Sant’ Alessandro.

Al ritorno a casa,  scopro che Via Fontanabrolo è solo uno delle tante scalinate acciottolate e fiancheggiate da mura in pietra presenti a Bergamo.

” Le scalette di Bergamo” sono una caratteristica culturale e paesaggistica della città . Nel passato venivano percorse dai contadini per andare da un tramezzo all’altro o dagli abitanti della città per velocizzare il passo.

Scopro che oltre ad essere apprezzate per passeggiare sono diventate oggetto di gare sportive agonistiche come quella denominata “Giro delle Scalette”.

In internet ho trovato questo PDF  che riporta la mappa illustrata di tutti i punti di accesso a Bergamo Alta, da stampare e portarsi dietro al prossimo giro.

Superata la porta di Sant’Alessandro abbiamo girato sotto un passaggio coperto e ci siamo ritrovati nella Piazza della Cittadella dove, oggi, invece dei soldati, nell’edificio del 1300 è ospitato il Museo Civico di Scienze Naturali .

Scopro dopo che, nel Largo Colle Aperto c’è il Bar La Marianne famoso per aver dato origine ad uno dei gusti di gelato più apprezzati dagli italiani LA STRACCIATELLA.

Peccato non averlo saputo prima io l’avrei assaggiato . Vabbè la stracciatella l’ assaggerò al prossimo giro

Torre della campanella   cittadella

Via Colleoni  taglia il centro di Bergamo Alta

Seguiamo la scia. Tagliamo diagonalmente la piazza e poi, superata la Torre della Campanella, sbuchiamo in Piazza Mascheroni per  proseguire sulla celebre Via Colleoni detta la ” Corsarola “.

Leggo, al rientro a casa, un interessante articolo sulla spregiudicata storia della famiglia VISCONTI nella Cittadella. Da rileggere e approfondire al prossimo giro.

Percorrendola per la prima volta, si ha la voglia di allontanarsi, di inoltrarsi nelle vie laterali che invitano all’ eplorazione in modalità ” solitaria”.

Seguiamo a tratti la massa su tutta Via Colleoni e Via Gombito, dalla Citadella a Piazza Mercato delle Scarpe , ma, ogni tanto, deviamo dalla linea retta.

Mura Veneziane

Ci inoltriamo nelle strade laterali attratti dai palazzi antichi e dai loro portoni, seguiamo le strade acciottolate che sembrano condurre in luoghi magici, scorgiamo qua e là dipinti sui muri e l’idea di medioevo è vivissimo nella testa.

Arriviamo fino alle Mura Veneziane e solo dando un’occhiata al panorama ci si rende conto che Bergamo moderna è quella che si estende in basso. La città, in alto, conserva una storia fortificata. Le Mura Veneziane non hanno mai subito un’attacco. Oggi fanno parte del patrimonio dell’UNESCO.

Ho trovato chi organizza dei tour interessanti organizzati da “Tour Guide Bergamo”che contatterò al prossimo giro 😉

PIAZZA VECCHIA

Giriamo in lungo e largo Piazza Vecchia che è l’epicentro della Città Alta di Bergamo . Nella piazza c’è un concentrato di edifici storici: lì vediamo in maniera sommaria e frettolosa.  Dati i giorni di festa, c’è una gran quantità di gente e riusciamo a soffermarci con grande fatica.

Per me di sicuro fascino è l’antica MERIDIANA “disegnata” sotto i portici del Palazzo della Regione. Il passare del tempo indica la nostra presenza sulla terra. Il concetto di misura del tempo ha assunto da sempre un significato importante per il genere umano.

La MERIDIANA è un vero e proprio calendario: indica la data , l’ora ed il segno zodiacale.

Una curiosità da segnalare, da verificare al prossimo giro. Quando è in vigore l’ora solare, un raggio di sole, ogni giorno alle 12, filtra attraverso un foro su uno specchio posto sull’edificio e, quel raggio, segna la data ed il segno zodiacale del momento.

Altro edificio dal fascino strepitoso è la Basilica di Santa Maria Maggiore, un concentrato di opulenza barocca che quasi fa male agli occhi !

Cosa farò sicuramente al prossimo giro? Salire sulla Torre Civica, detta il Campanone, per ammirare il panorama dall’alto e contare i 100 rintocchi che ogni sera vengono fatti suonare per ricordare l’antico coprifuoco con la chiusura di tutte le porte cittadine.

SHOPPING

Chi mi legge, lo sa: lo shopping è parte integrante di ogni mio viaggio. Credo che oltre la bellezza dei luoghi bisogna conoscere la cultura economica della città che si sta visitando e portarsi a casa un SOUVENIR ” made in local” che  ci faccia ricordare l’esperienza fatta.

Ho notato che molti locali commerciali hanno conservato un’insegna tipicamente antica e le vetrine sono sormontate da un arco a tutto sesto. Credo che il Comune cerca di salvaguardare l’estetica medioevale degli edifici imponendo ai locali commerciali delle regole uniformi.

 

Indirizzi da ricordare

A Bergamo Alta non ci vuole un mago per capire che è sull’arteria principale che bisogna individuare i negozi giusti. Condivido con voi gli indirizzi di “shopping souvenir” che mi sono sembrati interessanti :

  • PUNTO A CAPO LIBRI  – Via Bartolomeo Colleoni, 17/b

Una piccolissima e antica libreria. Sono entrata perchè aveva in vendita la rivista creativa Flow Magazine, ma ho notato che tra gli scaffali ci sono molti libri sulla cultura locale.

  • DOLFI CASA SOUVENIR LEGNO – Via Bartolomeo Colleoni , 24

Nelle vetrine sono esposti tantissimi oggetti fatti di legno. Il brand non è bergamasco, ma i prodotti sono  di fattura artigianale. Mi è piaciuto questo orologio.

  • LA BOTTEGA DI NONNA BETTA – Via Bartolomeo Colleoni, 3/E

In vetrina ci sono interessanti creazioni di Cashmere, che sembrano fatte a mano una a una. All’inglesino gli sono piaciute le cravatte mentre a  me questa maglia.

  • UASHMAMA – Via Gombito, 1/A
Un piccolo concept store che vende prodotti in carta lavabile . Interessanti sia le borse che i prodotti beauty.

FOOD

  • TRESOLDI – Via Bartolomeo Colleoni, 13/A

Un fornaio dalle vetrine incorniciate da un verde brillante, sa di passato e di cose buone. Noi abbiamo acquistato la polenta da portarci al sud 😉

  • CIRCOLINO – Vicolo Sant’Agata, 19

Locale che ci ha consigliato un bergamasco. Il Circolino è un ritorante che è stato ricavato nelle sale di un convento e ricorda le mense universitarie, è frequentato dai locali. Ottimo il tagliere con la pancetta e da consigliare i caratteristici casoncelli  e scarpinocc.

  • BAR FLORA – Piazza Vecchia, 13
In una posizione panoramica sulla Piazza Vecchia , locale semplice per prendere un caffè veloce con un prezzo nella media.
  • NESSI – Via Gombito, 34

Un negozio che conserva il suo sapore antico; è un po’ pasticceria, un po’ fornaio. Devo dire che l’indirizzo lo consiglio più per la location che per assaggiare il dolce caratteristico ” polenta e osei” .  Mi piacerebbe conoscere il parere dei bergamaschi su questo dolce. A me non è piaciuto ed ho trovato eccessivo il suo costo ( €4,50) data la dimensione !

BERGAMO BASSA

Al calar del sole scendiamo a piedi attraverso l’imponente e spettacolare Porta di San Giacomo. Recuperata la macchina decidiamo di fare un ultimo giro a Begamo Bassa lungo il ” Sentierone”. E’ già ora di cena e l’esplorazione dettagliata è rinviata, purtroppo, al prossimo giro.  Nella città bassa vi segnalo

  •  BALZER – Portici Sienterone, 41 – Per assaggiare la Torta Donizzetti

Oggi mi ritrovo a fare la lista delle cose che non ho visto e che vorrei fare al prossimo giro e ribadire che le gite improvvisate, quelle che organizzi, dopo aver detto “vediamo altro”, lasciano un senso di conquista.

Non sai mai cosa aspettarti da una visita a sorpresa in una città nuova. Se, al ritorno, ti dici: ” RITORNERÒ” vuol dire che ti ha emozionato.

 

Articoli correlati “Lago di Como. Una gita a Bellagio


seguimi anche su instagram


Le foto sono state scattate da me .Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.  e-shop su Picfair

 

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Commenti (12)

  • Avatar

    Virginia

    |

    Le stradine di scalini che si arrampicano verso la città vecchia, che belle! Ammetto che non conoscevo molto Bergamo, il tuo post è stato una lettura interessante

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Virgina mi fa piacere essere stata fonte d’ispirazione per un prossimo giro!

      Reply

  • Avatar

    Giovy Malfiori

    |

    Bergamo per me è sempre stata un luogo dal quale partire e atterare. Sono due anni che cerco di tornarci spesso per scoprirla di più.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Giovy credo che non sei la sola . Ho letto che molti la vedono solo come una città per partire 😉 un pò come quelli che vanno in Costiera Amalfitana atterrando a Napoli. Ti assicuro che Bergamo va approfondita eraccontata anche da te . A presto

      Reply

  • Avatar

    Giorgia

    |

    Ma cosa mi fai scoprire! Il gelato alla stracciatella è nato lì?! E’ il mio preferito da sempre, ora non ho più scuse, devo pianificare una visita :D!
    C’è anche l’indirizzo di una libreria che sembra molto, molto allettante… partirò da queste priorità, e poi “copierò” tutto questo giro della città :D!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Giorgia Bergamo non l’avevo mai vista come meta turistica, però devo dire che andarci mi ha fatto scoprire una bella città. Spero di ritornarci, soprattutto per assaggiare il gelato alla stracciatella 😉

      Reply

  • Avatar

    Valeria

    |

    Bergamo è una città relativamente piccola, ma è così carica di storia, tradizioni, gioielli architettonici e artistici, che non cessa mai di stupirmi e regalarmi qualcosa di nuovo ogni volta che ci torno. Al prossimo giro, appunto.

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Valeria grazie adesso ho la certezza che dovrò ritornare .

      Reply

  • Avatar

    Giulia M.

    |

    Bergamo è una di quelle città italiane in cui sono mai stata ma che mi intrigano per il loro fascino e la Storia che portano con sé. Ti ringrazio per il super post informativo, quando finalmente la visiterò ne terrò conto!

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Giulia mi fa piacere esserti utile. Credo veramente che sia una città da esplorare in maggior tempo .

      Reply

  • Avatar

    Lucy

    |

    Leggere questo post mi ha tristemente fatto rendere conto che sto iniziando a dimenticare l’Italia, partendo da una serie di dettagli tipo le piccole scalinate, gli scorci pittoreschi… Però volevo dirti che il bello di un viaggio è sempre sapere che rimane qualcosa per la volta successiva, no? 😉

    Reply

    • Avatar

      Esther

      |

      Lucy credo che sia vero. Siamo più contente di andare in paesi lontani piuttosto che viaggiare in Italia. Hai ragione è bello sapere che c’è un motivo per ritornare 😉

      Reply

Lascia un commento

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy