Registrati al

Blog

Registrandoti riceverai un'email ogni volta che un post sarà pubblicato ed avrai la possibilità di scaricare contenuti gratuiti.

Registrati ai

Social

Ostriche a colori: Village d’Herbe

Village d’Herbe è uno dei 12 villaggi di pescatori della comunità di Lège-Cap-Ferret.

In questo angolo del dipartimento francese della GIRONDE , circumnavigando il Bassin d’Arcachon, si scorgono dei villaggi di ostriche che sembrano usciti da un libro di fumetti.

Tutti i villaggi di Lège-Cap-Ferret sono sorti agli inizi dell’ostricoltura moderna fra la fine del 19° e l’inizio del 20° secolo. Sembra che sono sorti per praticità. I pescatori provenienti dalla parte opposta del bacino vi si sono installati da questo lato, per evitare di attraversarlo ogni giorno seguendo i vincoli dai tempi delle maree.

Leggi Tutto Nessun Commento

Le cinque note stonate di New York

È la prima volta che, appena tornata da un viaggio, pur sentendo quella strana malinconia che mi accompagna ad ogni rientro e pur avendo ancora nella mente i grattacieli, le bellissime case, le architetture maestose, i paesaggi, il melting pot di persone, il cibo, le strade trafficate e la metro calda/fredda , rimbomba in me ciò che non mi è piaciuto di New York.

New York è la città osannata. New York è la città dei sogni, è la città dove tutto può accadere, è la città che lavora 24 ore su 24, è la città palcoscenico dei tantissimi film e telefilm con cui ci hanno nutrito durante l’adolescenza.

New York la conosciamo a prescindere di andarci per davvero, al punto che quando atterri in città e ti guardi in giro ti dici ” questo già l’ho visto!“.

Leggi Tutto Nessun Commento

L’impero Asburgico al presente : Vienna !

Il primo aggettivo a cui mi fa pensare la città di Vienna è IMMENSITÀ.

IMMENSA  non nel senso “immediato” del termine, ma nel significato più ampio: GRANDIOSA, MAESTOSA, IMPERIALE, MODERNA ma anche FUTURISTA.

Adesso che sono di nuovo in Italia oso paragonare Vienna a Roma. Due città imperiali: una antica e l’altra altrettanto, una con una maestosità  più recente l’altra con grandezze d’antiche rovine.

In entrambe le capitali  l’organizzazione urbanistica  detta legge, la presenza dei grandi viali  ricordano la necessità di ospitare passaggi di carrozze e maestose parate.

Leggi Tutto Nessun Commento

Saint-Émilion un borgo “toscano” trapiantato in Francia !

Dopo 3 notti a Bordeaux, recuperata l’auto a noleggio prenotata dall’Italia, sotto una pioggia battente, io e l’inglesino ci dirigiamo a Saint-Émilion .

Da Bordeaux , Saint-Émilion dista solo 40 Km ma la statale da percorrere, pur essendo molto suggestiva perchè tra le vigne, va percorsa con molta cautela poichè ci sono solo due corsie, una per l’andata e una per il ritorno, ed è frequentata da moltissimi TIR.

Arrivati a Saint-Émilion la fortuna ci assiste e parcheggiamo nella piccolissima  Place Bouqueyre che è una sorta di porta posta a Sud della cittadina.

Saint-Émilion è tutto da percorrere a piedi e sono d’obbligo le sneakers. 

Leggi Tutto Nessun Commento

Les vacances à la française : Bassin d’Arcachon

Lasciata Bordeaux e dopo una tappa a Saint Emilion, il nostro road-trip continua e ci spostiamo sulla Costa Atlantica francese e precisamente sul Bassin d’Arcachon.

Il Bassin d’Arcachon si trova a 50 Km da Bordeaux nel cuore delle Lande ha una forma simile ad un ferro di cavallo un po’ irregolare e si estende, per circa 80 Km, da Arcachon a Cap Ferret.

Nel bacino confluiscono le acque dolci del lago di Cazaux de Lacanau e del fiume l’Eyre che, con l’alta marea, si mescolano con quelle dell’Oceano Atlantico .

Leggi Tutto Nessun Commento

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy