Primo Novembre: Shopping &Tour a Positano

Vivere a Napoli ha i suoi vantaggi; puoi godere della Costiera anche fuori stagione. Il primo Novembre, io e l’inglesino, confortati da un sole autunnale molto gradevole abbiamo cercato bellezza e siamo andati a Positano.

POSITANO è un antico borgo di pescatori che sorge aggrappato alla montagna che oggi si è trasformato in un luogo di villeggiatura “per ricchi”.

Ci incanta venire a fare un giro in Costiera. Ci piace percorrere per intero la Strada Panoramica 163 che in alcuni tratti ha incredibili panorami a strapiombo.

Statale Amalfitana 163

A Positano ci mancavamo da molto tempo. Per tutto il periodo primaverile ed estivo, per evitare di rimanere in coda sui tornanti, preferiamo i paesini in alto come Agerola o Ravello, raggiungibili anche dal Valico di Chiunzi, ma mercoledì scorso è stato un giorno perfetto per Positano.

Definire Positano non è semplice: non c’è un aggettivo che esprime in un’unica parola la meraviglia che vedi dall’alto verso il basso, e dal basso verso l’alto.

Positano ha la fortuna di trovarsi in una posizione naturale molto pittoresca. L’abitato si è sviluppato sui Monti Comuni e Sant’Angelo a Tre Pizzi con al centro una gola che si allunga verso il mare ed una bella spiaggia di sassolini, chiamata Marina Grande dove partono le barche per Capri.

La prima cosa da fare arrivati a Positano è lasciare la macchina e passeggiare a piedi.

Bisogna indossare scarpette comode ed essere un minimo allenati per salire e scendere gli innumerevoli scalini che attraversano i giardini, gli agrumeti e le caratteristiche case a cubo con terrazze sotto semi cupole. Ma la fatica è ripagata dalla bellezza.

Ci sono vari parcheggi privati, quello più comodo è nei pressi di Piazza dei Mulini, prima della zona pedonale. In questo periodo per una macchina di piccole dimensioni si pagano 5€ all’ora, oppure bisogna avere la fortuna di trovare posto sulle strisce blu che costano 3€ ogni ora.

Siamo stati fortunati, abbiamo parcheggiato su Viale Pasitea e poi a piedi fino alla Piazza Flavio Gioia dove sorge la chiesa di S.Maria Assunta che ha la cupola ricoperta di maioliche. Da qui in giro per le caratteristiche e strette viuzze del paese fino alla spiaggia.

Positano è PANORAMA.

Tutto stupisce in questo piccolo spazio che cattura in verticale. Ogni angolo è adatto per godere di una vista mozzafiato: le montagne che si tuffano nel blu del mare, le case colorate che sembrano unite le une con le altre, la miriade di terrazze, le bouganville arrampicate sui muri, il giallo dei limoni, l’odore del mare e l’idea di felicità.

Shopping Tour Positano

Positano è SHOPPING di artigianato locale

Passeggiare per le strette strade di Positano è stata anche l’occasione per fare un giro tra le vetrine. La curiosità è stata scoprire quali prodotti i proprietari dei negozi propongono ad una clientela internazionale.

A Positano, non si è seguito l’esempio di Mykonos, ma piuttòsto quello di Saint Tropez, a parte qualche negozio multibrand di richiamo internazionale, qui le vetrine, mettono in mostra un artigianato locale di alta qualità.

Si trovano le ceramiche i cui decori prendono spunto dalla natura circostante, l’abbigliamento “pratico” che ha dato vita allo stile identificato con “Moda Positano”, la cosmesi derivante dai prodotti della terra, i sandali artigianali fatti su misura e i piccoli brand di swimwere.

A Positano lo shopping è chic ma sembra di essere in un suq , parte della merce è esposta in strada, ed il richiamo all’acquisto per me è lì dove bisogna varcare la soglia.

Indirizzi dove farei SHOPPING

  • Casa e Bottega segue i concetti di un Concept Store. All’interno di una location con un design tra il nordico ed il mediterraneo, si può mangiare e poi acquistare i piatti in cui si è mangiato. Questi sono realizzati da Millegradi un’azienda napoletana che ha il laboratorio nel quartiere Chiaia. ( la prossima volta proverò il cibo)
  • Da Vincenzo Shop  anche questo è un locale gestito da un ristoratore. Tra gli oggetti in esposizione consiglio le ceramiche di Terre di Scirocco che rappresentano “icone” napoletane in maniera originale.
  • Per gli amanti della “Moda Positano”, come i pantaloni palazzo, i caftani o le camicie di lino ho notato La Bottega di Brunella che interpreta questo stile in maniera delicata.
  • Immancabili i sandali fatti a mano di Safari
  • Nella boutique di Carro Positano, ho scoperto un brand napoletano di borse Farenella, di cui mi piacerebbe conoscere la storia.
  • Interessante e cosmopolita, infine, è l’ Emporio Sirenuse. Anche qui si è sposato il concetto di diversificare l’attività, c’è il negozio e l’albergo. Molto carina la linea di costumi da donna proposta in vendita sul sito. Ciò che mi fa storcere il naso è il solo utilizzo della lingua inglese. Ritengo che la provenienza di un prodotto, soprattutto se italiano, la si debba raccontare sempre nella lingua d’origine. Salvaguardare il patrimonio linguistico va di pari passo con tutto ciò che si definisce ” made in Italy” .

Mi sarebbe piaciuto entrare da ” Maria Lampo” , attratta dalle sue vetrine vintage, ma il negozio era chiuso.

 

Positano è uno di quei luoghi la cui bellezza, pur percependola al momento, la ricodi incessantemente al ritorno…. See you soon !!!

 

MODI PER ARRIVARE a POSITANO

In Auto

Il mio preferito ed è il più adatto per esplorare la Costriera in piena libertà. Sconsigliatissimo in alta stagione. Da Napoli imboccare la A3 Napoli_Salerno, uscire a Castellammare di Stabia e proseguire sulla SS145 Sorrentina. A Meta imboccare la Statale Amalfitana 163.

in Treno/Bus

Raggiungere Salerno ( con Trenitalia) o Sorrento ( con Circunvesuviana) e proseguire con autobus della SITA

 

Articoli correlati “Un giro in Costiera tra Agerola e Amalfi


seguimi anche su instagram 


Le foto sono state scattate da me .Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.  e-shop su Picfair

       

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy