Scoprire Lione in 4 giorni : Croix-Rousse

Dopo la tappa a Saint Etienne4 giorni a Lione sono stati sorprendenti.

Lione è diversa da PARIGI che è più mondana e snob, è diversa da MARSIGLIA che è più multietnica e mediterranea, ed è diversa da BORDEAUX in perenne competizione sulla gastronomia.

Si dice che Lione sia la città che meglio conserva l’aurea francese

Un detto locale diceva che ” Les visites font plaisir non pas quand elles arrivent mais quand elles s’en vont” ( I visitatori non hanno piacere quando arrivano , ma quando se ne vanno !!! )

Tanta acqua è passata sotto i ponti e oggi Lione o Lyon, alla francese, di sicuro è una tappa per viaggiatori che cercano emozioni e che hanno piacere proprio nel soggiornare nella città per qualche giorno.

Io mia sorella e le pesti abbiamo alloggiato nel quartiere “rinato” della Croix-Rousse.

La nostra casa era all’ultimo piano di uno dei palazzi che si trovano all’interno del Passage Thiaffait. Molto scenografico , ma alcuni difetti che mi spingono a sconsigliare l’alloggio ed a non inserire il link di prenotazione su airbnb.

  • Caldo asfissiante. La casa pur avendo balconi e finestre su due lati, non si è mai rinfrescata . Quindi consiglio, se si visita la città in estate, di prendere una con il condizionatore.
  • Ascensore e androne del palazzo con una puzza perenne di pipì . Nel quartiere ci sono molti localini quindi c’è molto movimento nelle ore notturne. Il passage è un pò nascosto e viene utilizzato come bagno pubblico . Bleah….
  • Parcheggio complicato, pochissimo spazio e strade piccole. Noi siamo abituati a Napoli quindi niente da dire. Bisogna sapere, però, che il posto più agevole per parcheggiare diventa Boulevard de la Croix-Rousse e così da rue de Capucins bisogna fare su e giù per Montée de la Grande Cote.  Noi l’abbiamo fatto per  4 giorni. Non ci è dispiaciuto perchè il percorso è molto carino sia per la presenza di molti negozi artigianali, sia per il “Jardin de la Grande Cote”, sia per lo splendido panorama, ma è tutto in salita o discesa e bisogna considerarlo soprattutto con il caldo.
 

All’interno del Passage Thiaffait, dal 2001, è stato inagurato il Village des Créateurs“.

Tale iniziativa ha contribuito a riqualificare il quartiere che con lo smantellamento dei telai era stato preso d’assalto da una popolazione meno abbiente.

Il Village des Créateurs è un insieme di boutiques che accolgono talenti emergenti nel campo della moda e del design.

Interessante è la boutique CAE che rende attuali le tute blu da lavoro . Inoltre invito a sostare davanti alle vetrine del barbiere ed assistere ad un suo scenografico  taglio !  ( purtroppo non ho foto )

La nostra visita è durata 4 notti con 4 quartieri esplorati_sempre a piedi

  • 1 Giorno  _ tardo pomeriggio_Giro esplorativo nel quartiere della Croix-Rousse
  • 2 Giorno Da Place des Terreaux  a Place Bellecour e quartiere St-Jean/St-Paul
  • 3 Giorno Fourvière – Les Brotteaux – Parc de la Tete d’Or
  • 4 Giorno Musée des Confluences

1 Giorno      Croix-Rousse la collina che lavora

La Croix-Rousse è il secondo quartiere in collina situato al nord della Presqu’île.

Il quartiere è architettonicamente molto suggestivo. Palazzi alti, cortili, scale, vicoli, “terrazze panoramiche”, tantissimi angoli da fotografare ed i “traboules” da scoprire per “passare attraverso” e ritrovarsi su un percorso alternativo.

Consiglio di scaricare dal sito Les Traboules du Lyon i percorsi tra i Trabules che sono segnalati per ogni quartiere.

I bambini si sono divertiti tantissimo a seguire la mappa e ad entrare e uscire dai portoni dei palazzi “scavalcando” le vie .

Nel quartiere della Croix-Rousse vivevano e lavoravano gli artigiani della seta chiamati “canuts”. Infatti , Lione è stata la capitale della seta e per la sua storia di “quartiere operaio” che la Croix Rousse è anche chiamata « la colline qui travaille » (collina che lavora) in opposizione al Fourvière che è « la colline qui prie » (collina che prega).

Oggi i vecchi laboratori sono diventati degli appartamenti favolosi.

Gli abitanti hanno conservato le enormi stanze e le caratteristiche travi e gli appassionati di storia artigianale possono visitare ” La Maison des Canus” nelle cui stanze è ancora funzionante il telaio Jacquard da cui si creava il famoso tessuto.

Consiglio vivamente di salire le plateau de la Croix Rousse e sedersi sul piazzale dove c’è il GROS CAILLOU per godersi un pò di venticello rinfrescante…. il quartiere è molto frequentato la sera perchè ricco di localini.

#NaplesInTheAir  

Prima di scrivere sulle passeggiate dei giorni successivi a Lione , vi racconterò di un’operazione di marketing realizzata dall’Aeroporto di Napoli in collaborazione con VIA Vision In Airport.

Un Instagram challenge che invitava, chi in partenza da Napoli, a scattare una foto a destinazione e provare a vincere il biglietto aereo per un prossimo viaggio . Ho partecipato inviando proprio una foto di Lione.

Non ho vinto, ma tatataaaaa la mia foto è stata scelta tra le 4oo e più inviate.

Oggi la mia foto ( questa in basso ) è in mostra, all’Aeroporto di Napoli, fino al 15 Maggio 😉 nello spazio che si trova prima dei Check-in

   

L’iniziativa è interessante e condivido l’idea di utilizzare i ” Non luoghi” come contenitori di cultura 

In questi giorni “VIA Vision In Airport” continua l’avventura e lancia un nuovo Challenge di cui vi copio l’illustraione d’invito.

Io dico : vivi a Napoli ma parti sempre !!!

Tags: , , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy