Saint-Jean-de-Luz : i Baschi e i loro colori

Arrivati a San Sebastian, il giorno dopo ritiriamo la macchina noleggiata dall’Italia da Europcar – leggi qui gli errori commessi – per proseguire il nostro viaggio, fino a Bilbao, in maniera autonoma.

Rimaniamo a San Sebastian 3 notti e così abbiamo il tempo di ritornare in Francia per visitare due splendide cittadine Basche :

Bayonne, a 55 Km dal confine, e, Saint-Jean-de-Luz ad appena 30 Km

Bayonne sorge sulla confluenza di due fiumi Nive e Adour mentre Saint-Jean-de-Luz è direttamente sull’Oceano e divide la baia, dove sfocia la Nivelle, con la cittadina di Ciboure.

Bayonne e Saint-Jean-de-Luz  sono le due cittadine, della regione di Labourd, che meglio esprimono, architettonicamente, a mio avviso, l’icona basca.

 

Caratteristiche e affascinanti sono le Maison Laboudine à colombages ovvero le case bianche a graticcio che nella regione viene colorato prevalentemente di rosso. Rosso, come il sangue delle mucche che, in passato, veniva utilizzato per impermeabilizzare le case. Ricordo che qui siamo in una regione dove piove regolarmente, anche in estate.

   

Ho letto che le case basche sono sottoposte ad una legge tradizionale che vuole che vengano date in successione al primogenito che deve garantire , un matrimonio economicamente profittevole e dare alla luce un figlio.

Ogni TRADIZIONE è paese ! è il caso di dire ….

 
Saint-Jean-de-Luz (Donibane-Lohitzune in basco) è situata nell’unica baia naturale tra Spagna e Bordeaux. Di conseguenza, la cittadina ha avuto, nel 17° secolo, una notevole prosperità . È stata cittadina di pescatori ,di armatori di navi ,per la caccia delle balene e merluzzi, e residenza di pirati e corsari anti spagnoli.

Durante questo periodo, Saint-Jean-de-Luz è diventata il secondo porto più grande della regione Labourd. Con una popolazione di circa 12.000 abitanti, appena dietro Bayonne. Però essendo al confine con la Spagna era spesso teatro di conflitti.

Nel 1959 è stato firmato il trattato dei Pirenei che sanciva la pace tra i due stati confinanti . Il trattato prevedeva una clausola vincolante “il matrimonio tra Luigi XIV e Maria Theresa, l’Infanta di Spagna”.

Il matrimonio reale fu celebrato in questa cittadina l’anno successivo e così che a Saint-Jean-de-Luz  cominciarono ad arrivare la nobiltà francese e spagnola.

 

Alla fine del XIX secolo, il villaggio comincia ad essere considerato come una località balneare dell’alta società, alla stregua di Biarritz .

Poiché la spiaggia è protetta da tre dighe, ciò rende la baia sicura e per niente frequentata dai surfisti, e per questo motivo che oggi Saint-Jean-de-Luz è destinazione balneare soprattutto per famiglie. Infatti i bambini possono giocare senza il panico che un surfista intento a surfare un’onda li porta via.

Ho letto che le famiglie francesi, habitué di questi luoghi,  hanno dei rituali che rispettano rigorosamente. Ascoltano la messa della domenica nella chiesa Saint-Jean-Baptiste dove Luigi XIV ha sposato Maria Theresa, mangiano gli amaretti da “Maison Adam” (che ha conservato la stessa ricetta dal matrimonio reale), comprano  le ” gâteau basque” da  Etchebaster, fanno shopping nei negozi di  Rue Gambetta, passeggiano lungo l’Oceano ed assistono, gratuitamente, allo spettacolo  Toro de fuego che è una parodia della corrida.

A me è piaciuta moltissimo la Place des Corsaires con i tavolini e pittori e la vista e il piccolo porticciolo che mette gioia ai colori con tutte le case dei pescatori all’orizzonte.

      Abbiamo seguito i consigli della “Lonely Planet” e abbiamo assaggiato le sardine grillées da Buvette de la Halle 18 bis bd Victor-Hugo. Posto affollato, ombra non per tutti e un pò di mosche volanti. Però tutto sommato un bel modo per sentirsi uno del posto. Ho avuto l’impressione che fosse frequentato da tanti habituè ai quali  il proprietario dava priorità nell’assegnare i posti . Comunque da consigliare per un pasto semplice.      

A proposito di shopping. Noi siamo arrivati a  Saint-Jean-de-Luz il giorno di ” BRADERIE”.

È un giorno speciale di sconti. La differenza con i giorni dei saldi è che i commercianti sono invitati ad esporre la merce sulla stada. L’iniziativa ha un obiettivo molto più ampio e non strettamente legato al commercio.  Si incitano le persone a partecipare all’acquisto cercando di copiare le logiche del “mercato delle pulci“. Tutte le categorie commerciali possono partecipare. La merce è esposta in strada. Niente è imballato e qualcosa può essere anche spaiata. Si deve dare la senzazione di partecipare ad una vera e propria caccia all’affare.

Questo mi ha dato l’ispirazione per un altro post. Che spero di scrivere presto.

Si possono trovare info sul sito dell’ufficio del turismo che presenta la cittadina in maniera accattivante oppure in italiano sul sito di France-voyage.com

Le cose che farò la prossima volta

  • Una passeggiata fino alla Punta di Sainte Barbe
  • Visitare la casa di Luigi XIV e dell’Infanta
  • Entrare nella chiesa di San Giovanni Battista ( Non so come abbiamo fatto a non vederla !!!! )
  • Provare a giocare alla Pelota

WHAT TO BUY

Un quadro che raffigura la vita basca. Una galleria con anche il sito internet è l’Atelier d’Encadrement Una tovaglia, dei tovaglioli, delle federe etc etc… .Insomma qualsiasi cosa all’interno della meravigliosa boutique “Tissage de Luz“, 83 Rue Gambetta  

Le foto sono state scattate da me . Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy