On the Road : Bordeaux_Bilbao

In Agosto con l’inglesino abbiamo fatto un giro “on the roadnel golfo di Biscaglia : 350 Km da Bordeaux a Bilbao , tantissime soste e bellissime visioni!

Bordeaux è definita la “Bella Addormentata“, ma a me non è sembrata affatto addormentata, nei sui vicoli storici o lungo la banchina che costeggia la Gironda c’è vita a tutte le ore del giorno !!! Non sarà un caso se, nel 2015, è stata nominata migliore destinazione di viaggio in Europa.

Bordeaux

Saint Emilion sembra un paesino toscano trasportato in Aquitania. A noi ha po’ deluso . I nostri occhi sono abituati a vedere borghi simili in Italia inoltre la strada per arrivare ha una sola corsia, molto trafficata che, a tratti, diventa pericolosa per il transito di numerosi TIR.

In definitiva Saint Emilion è un “quadro” turistico, gli abitanti non si vedono 😉 e i prezzi sono troppo gonfiati.

Incantevoli, invece, sono le vallate della regione del Medoc con i vigneti a perdita d’occhio e le cantine che hanno la sede o in architetture modernissime o in antichi casali. Unico rammarico: avrei voluto dormire in una di queste splendide botti di questo piccolo albergo “coup2foudres” . Magari la prossima volta 😉

Una piacevolissima scoperta  è stato il Bassin di Arcachon” .

llArcanchon

Saint Sebastian

IL bacino ha la forma del ” ferro di cavallo  ed è caratterizzato da un panorama fluido dove il mare detta sulla vita: dune bianche, villaggi di pescatori, pinete immense, oceano, fari, ostriche, piste ciclabili, pinasses, relax e le immaginabili Dune du Pilat , il deserto europeo !!!

Le “Dune du Pilat” sono l’unico deserto che abbiamo in Europa: non si sa ancora perché si forma ma salire in cima non è molto faticoso e la vista è fantastica. Saliti in cima, si ha la sensazione di essere sugli alberi . Peccato che noi ci siamo arrivati il 15 Agosto perché abbiamo trovato OCCUPATO ogni granello di sabbia ;-( ma bello bello !

Scesi dalle Dune du Pilat, abbiamo raggiunto Biarritz .  Sognavo da tempo di visitarla e non mi ha deluso 🙂 Biarritz, Bayonne e Saint Jean de Luz, sono le cittadine francesi, più grandi, dei Paesi Baschi. Terre piene di contrasti, case bianche e rosse, il verde delle montagne, cittadine ricche di cultura con un patrimonio storico che ha lasciato il segno in cucina (jambon de Bayonne e cioccolata) e nel patrimonio culturale (corsa dei tori, pelota basca, rugby e processioni colorate) .

Negli occhi sono rimasti impressi i paesaggi sull’Oceano, dove il surf la fa da padrone e la marea ti ipnotizza !

Attraversati i Pirenei siamo arrivati in Spagna e precisamente a San Sebastian o Donostia, in lingua basca.

llblogPaesibassi

Paesi Baschi

SPETTACOLARE !!!! Unico termine che mi viene in mente per descrivere una città che ti prende subito. Moderna, palazzi stupendi che rievocano la belle époche , spiaggia in città, viali alberati, affollata, giovanile, sportiva, centro storico di carattere, piste ciclabili e buon cibo … insomma ci si potrebbe pensare di trasferirsi  😉

Il viaggio lungo la  costa spagnola ci ha fatto scoprire tantissimi paesini: Zarautz, Getaria, San Juan de Gaztelugatxe, Bakio …. ciascuno con le loro storie antiche di preti, di pescatori, di navi in partenza e navi in arrivo e storie moderne relative all’attività dei surfers .

Soca

ontheroad_bordeaux_bilbao_luogolungo_Ponte Zubiruri

Ultima tappa Bilbao che all’arrivo colpisce poco per la conformazione geografica e per i colori che la incupiscono , però, alla partenza,  a suo malgrado, lascia il segno !

*** Cose che mi sento di consigliare 

  • Tutta la costa atlantica, sia francese che spagnola, è frequentatissima nel periodo estivo: quindi bisogna anticiparsi parecchi mesi per prenotare volo, alloggi ed eventuale auto a noleggio ( moltissime case private chiedono un minimo di 7 giorni di pernottamento)
  • Noi abbiamo deciso di  arrivare a Bordeaux e ripartire da Bilbao. Volo di andata Napoli/Bordeaux prenotato a maggio con VOLOTEA  non propriamente low cost ma puntuale. Volo di ritorno Bilbao/Madrid/Napoli, prenotato sempre a maggio con IBERIA EXPRESS: ottimo servizio, internet compreso.
  • Con airbnb abbiamo dormito a Bordeaux e Bilbao, con booking siamo riusciti ad alloggiare una sola notte ad L’ile aux oiseaux , per un caso fortuito siamo arrivati sul sito di Atlantikoa alle porte di Biarritz  ed infine con hostelworld abbiamo scovato la spendida Pension Aia a San Sebastian  .
  • Abbiamo noleggiato l’auto con Europcar . Mi sento di sconsigliare vivamente di prendere un auto in un paese e lasciarla in un altro. Solo dopo preso i biglietti aerei abbiamo calcolato il costo del noleggio auto, scoprendo che l’addebito viene fatto comunque sul tragitto di andata e ritorno anche se quest’ultimo non viene fatto!!! Abbiamo dovuto noleggiare due auto: una per il tratto francese e un’altra per il tratto spagnolo 🙁

In conclusione abbiamo commesso un errore: abbiamo deciso di fare il viaggio di ritorno da un aeroporto diverso da quello di partenza .

Se il vostro “on the road” è di circa 350 Km, allora meglio organizzare un circuito e non una “linea retta”  !!!


Le foto sono state scattate da me . Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Lascia un commento

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy