On the Road : Bordeaux_Bilbao

In Agosto con l’inglesino abbiamo fatto un giro “on the roadnel golfo di Biscaglia : 350 Km da Bordeaux a Bilbao , tantissime soste e bellissime visioni!

Bordeaux è definita la “Bella Addormentata“, ma a me non è sembrata affatto addormentata, nei sui vicoli storici o lungo la banchina che costeggia la Gironda c’è vita a tutte le ore del giorno !!! Non sarà un caso se, nel 2015, è stata nominata migliore destinazione di viaggio in Europa.

Bordeaux

Saint Emilion sembra un paesino toscano trasportato in Aquitania. A noi ha po’ deluso . I nostri occhi sono abituati a vedere borghi simili in Italia inoltre la strada per arrivare ha una sola corsia, molto trafficata che, a tratti, diventa pericolosa per il transito di numerosi TIR.

In definitiva Saint Emilion è un “quadro” turistico, gli abitanti non si vedono 😉 e i prezzi sono troppo gonfiati.

Incantevoli, invece, sono le vallate della regione del Medoc con i vigneti a perdita d’occhio e le cantine che hanno la sede o in architetture modernissime o in antichi casali. Unico rammarico: avrei voluto dormire in una di queste splendide botti di questo piccolo albergo “coup2foudres” . Magari la prossima volta 😉

Una piacevolissima scoperta  è stato il Bassin di Arcachon” .

llArcanchon

Saint Sebastian

IL bacino ha la forma del ” ferro di cavallo  ed è caratterizzato da un panorama fluido dove il mare detta sulla vita: dune bianche, villaggi di pescatori, pinete immense, oceano, fari, ostriche, piste ciclabili, pinasses, relax e le immaginabili Dune du Pilat , il deserto europeo !!!

Le “Dune du Pilat” sono l’unico deserto che abbiamo in Europa: non si sa ancora perché si forma ma salire in cima non è molto faticoso e la vista è fantastica. Saliti in cima, si ha la sensazione di essere sugli alberi . Peccato che noi ci siamo arrivati il 15 Agosto perché abbiamo trovato OCCUPATO ogni granello di sabbia ;-( ma bello bello !

Scesi dalle Dune du Pilat, abbiamo raggiunto Biarritz .  Sognavo da tempo di visitarla e non mi ha deluso 🙂 Biarritz, Bayonne e Saint Jean de Luz, sono le cittadine francesi, più grandi, dei Paesi Baschi. Terre piene di contrasti, case bianche e rosse, il verde delle montagne, cittadine ricche di cultura con un patrimonio storico che ha lasciato il segno in cucina (jambon de Bayonne e cioccolata) e nel patrimonio culturale (corsa dei tori, pelota basca, rugby e processioni colorate) .

Negli occhi sono rimasti impressi i paesaggi sull’Oceano, dove il surf la fa da padrone e la marea ti ipnotizza !

Attraversati i Pirenei siamo arrivati in Spagna e precisamente a San Sebastian o Donostia, in lingua basca.

llblogPaesibassi

Paesi Baschi

SPETTACOLARE !!!! Unico termine che mi viene in mente per descrivere una città che ti prende subito. Moderna, palazzi stupendi che rievocano la belle époche , spiaggia in città, viali alberati, affollata, giovanile, sportiva, centro storico di carattere, piste ciclabili e buon cibo … insomma ci si potrebbe pensare di trasferirsi  😉

Il viaggio lungo la  costa spagnola ci ha fatto scoprire tantissimi paesini: Zarautz, Getaria, San Juan de Gaztelugatxe, Bakio …. ciascuno con le loro storie antiche di preti, di pescatori, di navi in partenza e navi in arrivo e storie moderne relative all’attività dei surfers .

Soca

ontheroad_bordeaux_bilbao_luogolungo_Ponte Zubiruri

Ultima tappa Bilbao che all’arrivo colpisce poco per la conformazione geografica e per i colori che la incupiscono , però, alla partenza,  a suo malgrado, lascia il segno !

*** Cose che mi sento di consigliare 

  • Tutta la costa atlantica, sia francese che spagnola, è frequentatissima nel periodo estivo: quindi bisogna anticiparsi parecchi mesi per prenotare volo, alloggi ed eventuale auto a noleggio ( moltissime case private chiedono un minimo di 7 giorni di pernottamento)
  • Noi abbiamo deciso di  arrivare a Bordeaux e ripartire da Bilbao. Volo di andata Napoli/Bordeaux prenotato a maggio con VOLOTEA  non propriamente low cost ma puntuale. Volo di ritorno Bilbao/Madrid/Napoli, prenotato sempre a maggio con IBERIA EXPRESS: ottimo servizio, internet compreso.
  • Con airbnb abbiamo dormito a Bordeaux e Bilbao, con booking siamo riusciti ad alloggiare una sola notte ad L’ile aux oiseaux , per un caso fortuito siamo arrivati sul sito di Atlantikoa alle porte di Biarritz  ed infine con hostelworld abbiamo scovato la spendida Pension Aia a San Sebastian  .
  • Abbiamo noleggiato l’auto con Europcar . Mi sento di sconsigliare vivamente di prendere un auto in un paese e lasciarla in un altro. Solo dopo preso i biglietti aerei abbiamo calcolato il costo del noleggio auto, scoprendo che l’addebito viene fatto comunque sul tragitto di andata e ritorno anche se quest’ultimo non viene fatto!!! Abbiamo dovuto noleggiare due auto: una per il tratto francese e un’altra per il tratto spagnolo 🙁

In conclusione abbiamo commesso un errore: abbiamo deciso di fare il viaggio di ritorno da un aeroporto diverso da quello di partenza .

Se il vostro “on the road” è di circa 350 Km, allora meglio organizzare un circuito e non una “linea retta”  !!!


Le foto sono state scattate da me . Non posso essere utilizzate se non dietro autorizzazione.

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy