Passeggiare a Monte di Dio

Quante volte ho camminato in questi luoghi e quanto poco mi sono soffermata a guardare . Ho la sensazione di conoscere meglio altre città che ho visitato e non questa in cui sono nata“ (mia)

UN ITINERARIO BREVE  DI  30 MINUTI CON IL NASO ALL’ INSÙ :  DA PIAZZETTA CARIATI A VIA MONTE DI DIO

Si parte da Piazzetta Cariati e si arriva a Via Monte di Dio . Questo percorso è l’ideale prosieguo della passeggiata proposta nel mio post intitolato “ Chi ha mai visto questo bacio a Napoli? ” (Avete poi provato a posare imitando il bacio appassionato della lampada? Beh ! se qualcuno ci è riuscito può inviare la foto …).

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m41!1m12!1m3!1d6037.21118805832!2d14.239858105790113!3d40.83662603769756!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!4m26!1i0!3e2!4m5!1s0x133b085688b807cd%3A0xee1bd5e959360055!2sPiazzetta+Cariati%2C+80132+Napoli!3m2!1d40.8396359!2d14.2427096!4m5!1s0x133b0854240029b3%3A0xd0ef694b997472c3!2sVia+S.+Caterina+da+Siena%2C+Napoli!3m2!1d40.8385178!2d14.2434459!4m5!1s0x133b085442f129e3%3A0x353b6caa1cb48de3!2sVia+Nicotera+Giovanni%2C+Napoli!3m2!1d40.8368168!2d14.2439994!4m5!1s0x133b09acaad5e8c7%3A0x146f6c0d8126101f!2sVia+Monte+di+Dio%2C+Napoli!3m2!1d40.8336001!2d14.2456756!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1406920637666&w=600&h=450]

Si inizia scendendo le scale adiacenti la chiesa di Santa Caterina e si prosegue in senso inverso al transito delle auto, al primo incrocio si svolta a destra e poi subito a sinistra in via Nicotera.

Via Monte di Dio_Napoli_luogolungo

Via Nicotera è ampia quanto la larghezza di un auto e su ambo i lati i palazzi alti impediscono ai raggi solari di penetrare. Anche questa via, come salita Cariati, è una strada molto trafficata, su una si scende e su l’altra si sale: è così che si assicurano i due sensi di marcia al quartiere. Non fatevi spaventare e camminate, cercando di buttare un occhio nei portoni . Se sono aperti, in alcuni si intravedono dei bei cortili interni.

Dettaglio di Via Monte di Dio_Napoli_luogolungo

Dopo  appena 5 minuti siete arrivati a Piazza Santa Maria degli Angeli che, ad oggi, non si può ammirare appieno perché al suo centro c’è il cantiere della metropolitana, ma subito dopo la chiesa inizia Via Monte di Dio.

Via Monte di Dio

La strada è più larga ed è fiancheggiata da importanti palazzi  che le conferiscono un aspetto monumentale. I palazzi sono tutti di proprietà privata, ma provate a chiedere ai portieri se vi fanno entrare a vedere i cortili, le scale, gli stemmi ed i giardini.

In internet si trova la storia di ciascun palazzo da cui riprendo alcune informazioni. Sul lato sinistro  al n.4 c’è il Palazzo Sanfelice di Bagnoli, seguendo ai numeri n.14 e n.15, lo storico Palazzo Serra di Cassano costruito da Ferdinando  Sanfelice  nella prima metà del Settecento.  La particolarità di questo palazzo è che ha due ingressi: uno su Via Egiziaca e l’altro su Via Monte di Dio. Il progetto originale prevedeva  l’ingresso principale rivolto verso il Palazzo Reale, ma poi fu chiuso nel 1799, per protesta del Principe di Cassano contro l’esecuzione del figlio Gennaro. Ancora oggi vi si accede esclusivamente da via Monte di Dio, per cui l’imponente scalone appare ribaltato rispetto all’ingresso.

Barbiere Vintage_Via Monte di Dio_Napoli_luogolungo

Sul lato destro si trovano, al civico n.75 Palazzo Barracco ed al n.74 il Palazzo Capracotta . Proseguendo sullo stesso lato c’è un arco che introduce al Viale (pertugio forse ?) Calascione che anticamente era conosciuto come o dujie centesime” , dalla entità del dazio da pagare per attraversarlo. Questa strada congiunge  Via Monte di Dio alla Rampa Caprioli ( oggi chiusa al pubblico) che porta in Via S. Maria a Cappella Vecchia, che collega Piazza dei Martiri e il mare di Via Caracciolo.

Rampa Caprioli

Continuando su Monte di Dio, al civico 66 c’è il Palazzo Carafa di Noja, dal cui cortile si accede a un superbo giardino di palme e di lecci, in fondo al quale c’è l’elegante villino Werner.

Via Monte di Dio termina con la Caserma Nino Bixio che è stata  costruita dal viceré Pedro Antonio di Aragona per trasferirvi la guarnigione spagnola.  Attualmente è una caserma di Polizia di Stato  che ospita il IV Reparto Mobile di Napoli.

Questa zona è piena di storia e paesaggi nascosti: credo che mi soffermerò ancora per un prossimo urban safari ….


 

Trackback dal tuo sito.

Esther

Sono alla perenne ricerca dell'eccezionale!!! Viaggiatrice da sempre con una "passione" per il marketing. Sempre a caccia di idee. Adoro i marchi "made in local" che fanno un buon advertising . Prima avevo un diario adesso un blog dove traccio ipotetici "Tour & Shop"

Commenti (1)

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.

Newsletter

Ti va di non perderti nessun post di luogolungo?

Network

luOgoluNgo sui social

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina...
Privacy e Cookie Policy